• Versione 2
  • Versione 3
  • whatsapp-image-2019-11-27-at-15-41-05

  • copia-di-rock-per-gramsci-11-2
  • Versione 3
  • piazza del riccio

  • BoghesII-slide

  • Premio di pittura

    Gramsci visto da dietro le sbarre

  • Premio letterario Antonio Gramsci XVII edizione

  • Immaginando Gramsci

    Concorso rivolto alle studentesse e agli studenti delle scuole della Sardegna

  • RockXGramsci

  • Visita la casa natale di Antonio Gramsci

  • Ales - Piazza del riccio

    Murale realizzato da Massimo Spiga.

  • Boghes pro Gramsci

Sostienici! Dona il tuo 5 per mille all’associazione Casa Natale A. Gramsci onlus

Scritto da admin on . Postato in Archivio, Ultime news

Se vuoi contribuire alle attività dell’Associazione Casa natale Antonio Gramsci di Ales puoi farlo in maniera molto semplice: destinando il 5 per mille della tua dichiarazione dei redditi alla nostra associazione. Ecco come fare.

  1. Apponi la tua firma nello spazio denominato Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10, c. 1, lett a), del D.Lgs. n. 460 del 1997 che trovi nel riquadro “Scelta per la destinazione del cinque per mille dell’Irpef” dei Modelli CUD, 730-1 e Unico.
  2. Sotto la firma inserisci il Codice Fiscale dell’Associazione Casa Natale A. Gramsci Onlus che è 90010940956.

Grazie per il sostegno.

UN LADRO AMMAZZATO

Scritto da admin on . Postato in Archivio, Ultime news

Onorati di aver ospitato presso la Casa Natale di Antonio Gramsci l’installazione “Istruitevi, Agitatevi, Organizzatevi” del nostro compaesano Claudio Porru, abbiamo scelto di salutare questa affascinante opera con uno spettacolo legato a doppio filo con essa: “Un ladro ammazzato”.

Si tratta di una performance in cui l’azione è interamente costruita sul testo dell’articolo di Antonio Gramsci “Un ladro ammazzato” e vede protagonista la mente di un lettore ideale, teatro dell’interazione tra la parola scritta, generata estemporaneamente da una macchina da scrivere e la parola letta, prodotta sia dalla voce dell’attore sia dai suoi pensieri che prendono vita grazie all’ausilio del live electronics.

La performance nasce da una ricerca sulla sonorità delle parole che il Collettivo d’arte Cèol porta avanti dal 2018, e avrà come protagonisti l’attore Simone Petrucci, la percussionista Anita Cappuccinelli e Claudio Porru curatore della parte elettronica.

L’evento è organizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale Musicale Dalton, con il patrocinio del Comune di Ales e il contributo della RAS.

Premio Letterario Gramsci – XVII edizione

Scritto da admin on . Postato in Archivio, Ultime news

L’Associazione casa natale Antonio Gramsci di Ales bandisce la XVII edizione del Premio Letterario dedicato al nostro illustre concittadino. Il premio è articolato in sei sezioni:

  1. Poesia inedita in Lingua Sarda
  2. Poesia edita in Lingua Italiana
  3. Racconto inedito in Lingua Sarda
  4. Racconto Inedito in Lingua Italiana
  5. Saggistica
  6. Graphic Novel

La presentazione dei lavori dovrà avvenire entro il 15 settembre 2020. Tutte le informazioni nel bando qui sotto.

Bando Premio Gramsci – XVII edizione

ISTRUITEVI, AGITATEVI, ORGANIZZATEVI

Scritto da admin on . Postato in Archivio, Ultime news

Domenica 2 febbraio 2020, presso la Casa natale di Antonio Gramsci ad Ales, verrà presentata l’installazione multimediale site specific “ISTRUITEVI, AGITATEVI, ORGANIZZATEVI” dell’artista alerese Claudio Porru.

L’opera, che lo scorso settembre è stata fra le protagoniste di “IN VITRØ – artificial sonification sound art exhibition” nell’ambito di Matera Capitale europea della Cultura 2019, e a novembre è stata esposta a Caldogno (Vi), nella mostra “Caos Italia – Vernice Art Prize 2019” dell’associazione Vernice Contemporanea, sarà fruibile per tutto il mese di febbraio dal venerdì alla domenica con apertura dalle 17.00 alle 20.00.

“Istruitevi, Agitatevi, Organizzatevi” nasce dalla sperimentazione dei suoni che le parole possono generare e vuole raggiungere un duplice obiettivo: fondere lettere, sillabe e parole, pronunciate e digitate, al fine di apprezzare la musicalità di un testo in tutte le sue componenti.

Ecco che al centro di una stanza, pareti bianche e luce soffusa, sta un tavolo con sopra una macchina da scrivere, la copia cartacea di un testo e una sedia. L’invito al visitatore/ascoltatore è quello di avvicinarsi al tavolo, sedersi e copiare frasi o parole del testo, digitandole. Il suono prodotto è rimandato in quadrifonia, elaborato per divenire anch’esso parte della composizione.

Claudio Porru ha iniziato a studiare chitarra elettrica col maestro Andrea Puxeddu. Nel 2015 è stato ammesso al triennio di Musica elettronica, regia e tecnologia del suono del Conservatorio Luigi Canepa di Sassari, nella classe dei Professori Walter Cianciusi e Riccardo Sarti.

Nel corso dei suoi studi ha partecipato a varie masterclass con artisti di fama internazionale come J.C.Risset, Michelangelo Lupone, Curtis Roads e a Festival quali “I mercoledì del conservatorio”, “MusicaNova”, oltre ai già citati Matera 2019 e Vernice Art Prize 2019.

Attivo anche come compositore ed esecutore, dal 2018 fa parte del collettivo d’arte Cèol con il quale sta portando avanti una ricerca sulla sonorità delle parole che ha prodotto il lavoro “Istruitevi, Agitatevi, Organizzatevi“.

L’iniziativa è organizzata dall’Associazione culturale casa natale A. Gramsci, in collaborazione con l’associazione musicale Dalton, il Comune di Ales e con il contributo dell’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni culturali, Spettacolo e Sport della Regione Sardegna.

Buon Compleanno Antonio

Scritto da admin on . Postato in Archivio, Ultime news

Come consuetudine, il 22 gennaio, l’Associazione casa natale Antonio Gramsci, in collaborazione con il comune di Ales e con il contributo dell’Assessorato della Pubblica Istruzione, beni culturali, spettacolo e sport della Regione Sardegna, organizza l’evento Buon compleanno Antonio, che quest’anno celebrerà il centoventinovesimo anniversario della nascita del grande intellettuale sardo.

Momento centrale della manifestazione sarà la presentazione del bando della XVII edizione del Premio letterario A. Gramsci; saranno i componenti della giuria, presieduta da Salvatore Zucca, ad illustrare le novità introdotte, a tracciare un bilancio del lavoro sinora svolto e a individuare le prospettive future del concorso.

Contestualmente verrà presentata l’antologia della XV edizione del premio, curata dalla associazione ed edita da ISKRA Edizioni.

La serata sarà impreziosita dalle canzoni del musicista cagliaritano Dainocova.

L’appuntamento è per le 18.00 nella sala conferenze del Comune di Ales.

Iddacuada – Paese Nascosto

Scritto da admin on . Postato in Archivio, Ultime news

Concludiamo il 2019 con lo spettacolo “Iddacuada – Paese Nascosto”, una produzione di Ilos Teatro e Gianluca Medas “Figli d’Arte Medas”
con Elena Musio, Gianluca Medas e Maria Antonia Sedda;
Musiche originali di Paquito Farina;
Immagini video di Antonio Cauterucci;
Regia di Gianluca Medas ed Elena Musio;
Con la partecipazione straordinaria delle nostre concittadine Tora Manias e Anna Perria, di Antonio Boi e del nostro Alberto Coni.
Vi aspettiamo lunedì 30 dicembre alle 20.30 presso il cineteatro S. Luigi. Non mancate!

Immaginando Gramsci

Scritto da admin on . Postato in Archivio, Ultime news

L’Associazione Casa Natale A. Gramsci di Ales, l’Istituto Gramsci della Sardegna e l’Associazione per Antonio Gramsci di Ghilarza, col supporto del GramsciLab dell’Università di Cagliari, promuovono, per l’anno scolastico 2019-2020, l’ottava edizione del concorso per le scuole “Immaginando Gramsci”.

Scopo principale dell’iniziativa è da una parte portare la figura di Antonio Gramsci all’interno delle aule scolastiche e dall’altra fare interagire i suoi scritti con le conoscenze e le aspettative degli studenti di ogni ordine e grado in modo da offrire loro una griglia interpretativa di comprensione del presente e del passato. Con tale finalità, le Associazioni promotrici si rendono disponibili per proporre e coordinare iniziative con docenti e studenti.

E’ di fondamentale importanza che la Scuola favorisca la conoscenza di Antonio Gramsci. Si tratta dell’intellettuale italiano del Novecento più letto nel mondo; la bibliografia degli scritti gramsciani ha ormai superato i 20.000 titoli; le sue idee  e il suo metodo di analisi della società e della storia sono riconosciuti strumenti fondamentali per comprendere la globalizzazione e le complesse dinamiche tra l’economia e lo Stato. Inoltre, importanti aree di ricerca delle scienze sociali riconoscono in Antonio Gramsci il loro punto di riferimento.

Gli studi gramsciani non si fermano alla parola scritta ma spaziano anche nei linguaggi del cinema, dei fumetti e dei nuovi media, modalità espressive particolarmente feconde tra i più giovani. Anche per sviluppare le attitudini connesse con queste forme espressive, a tutte le scuole partecipanti verranno donate copie dei libri finora editi dalle tre Associazioni e altri materiali multimediali che riguardano la vita e le opere di  Antonio Gramsci.

Il Concorso si concluderà con una manifestazione finale che avrà lo scopo di valorizzare gli elaborati presentati dalle ragazze e dai ragazzi che parteciperanno. Inoltre, compatibilmente con le risorse finanziare disponibili, le associazioni promotrici intendono raccogliere i lavori più significativi in una pubblicazione che verrà inviata alle scuole che aderiranno.

bando_immaginando-gramsci_201920

25 Novembre – Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Scritto da admin on . Postato in Archivio, Ultime news

Sensibilizzare, attraverso la potenza e il coinvolgimento del teatro, sul tema della violenza di genere. Con questo obiettivo l’Associazione “Casa natale Antonio Gramsci” porta in scena ad Ales lo spettacolo “Volevo dirti che…” realizzato da Anfiteatro Sud. L’appuntamento è per lunedì 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, alle 19:00 presso il Cineteatro San Luigi di Ales. L’ingresso è libero. Organizzato in collaborazione con il Comune di Ales e con il finanziamento della Regione Autonoma della Sardegna, lo spettacolo vuole «aumentare la consapevolezza della cittadinanza, sensibilizzare i giovani e le donne sulla violenza di genere e fare prevenzione informando», come spiega l’autrice Susanna Mameli. Un teatro sociale, insomma, che non termina il suo percorso con la chiusura del sipario, ma punta a costruire un cambiamento nelle menti degli spettatori. Obiettivo fondamentale, dato che è proprio per il cambiamento culturale e mentale che passa la soluzione al terribile problema della violenza sulle donne.

L’Associazione “Casa natale Antonio Gramsci” conferma il suo doppio impegno, sia per la trasformazione del presente sia per il recupero della memoria del pensatore comunista originario di Ales. Quel Gramsci che, con un certo anticipo sui tempi, non ha mai trascurato nella sua elaborazione teorica la questione femminile e per esempio sottolineava come la risoluzione della «quistione sessuale» dipendesse necessariamente dall’affermazione dell’indipendenza delle donne.

Lo spettacolo, attraverso una scenografia e una storia semplici, cerca di rappresentare in maniera universale la terribile normalità della violenza all’interno della coppia, con una colonna sonora ridotta all’osso dei jingle delle segreterie telefoniche.

Scheda dello spettacolo

VOLEVO DIRTI CHE…

Finalista Premio Nazionale Lago Gerundo 2016

Finalista al premio Nazionale CTAS Oltreprola – 2014.

 di

 Susanna Mameli

 con

 Marta Proietti Orzella e Francesco Civile

 tecnico

Valentino Carcassi

produzione

Anfiteatro Sud

Il popolo delle scimmie – Rock X Gramsci XVI edizione

Scritto da admin on . Postato in Archivio, Ultime news


Rock X Gramsci – XVI edizione
“Il popolo delle scimmie”
Ales, 14 settembre 2019

Ore 18.30, Sala prove dell’Associazione musicale Dalton, Casa Parco
Claudio Loi intervista i Not Moving LTD

Ore 22.00, piazza S. Maria
Antonella Puddu legge Antonio Gramsci
“Il popolo delle scimmie”
Musiche di Riccardo Pittau

Concerto
Fireworks Banquet
South Sardinian Scum
Not Moving L T D

DJ set Fratellanza R’N'R dj’s
Jimmy Jaguar & Agitated Uruguay

Evento gratuito

La manifestazione è organizzata dall’Associazione Casa natale Antonio Gramsci di Ales in collaborazione con l’Associazione musicale Dalton, con il contributo del Comune di Ales e dell’Assessorato alla Pubblica istruzione, Beni culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Autonoma della Sardegna.

rxg2019

CONCHIATTU

Scritto da admin on . Postato in Archivio, Ultime news

Sabato 10 agosto alle 21:45 si terrà il concerto teatrale “Conchiattu” del gruppo Ludu all’Anfiteatro in Località San Pietro a Ales, ingresso gratuito. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Casa Natale Antonio Gramsci, con la partecipazione del Comune di Ales e della Regione Sardegna. In scena: Diego Deidda alla voce recitata e cantata, e Lorenzo Lepori alla chitarra e alle ambientazioni sonore. Diego Deidda e Lorenzo Lepori (provenienti dalle Lame a foglia d’oltremare) nel 2017 hanno intrapreso un percorso artistico che vede coinvolte la composizione musicale e il linguaggio teatrale. “Conchiattu” è la storia di un miserrimo compagno di esistenza, abbandonato da Dio nella landa deserta del Sinis: un uomo che sta a metà strada tra il mondo animale e la divinità. L’omaggio del gruppo Ludu al poeta oristanese Salvatore Baldino e alla sua opera in lingua sarda “Sa Giorronnada ‘e Conchiattu” rappresenta un’importante occasione per avvicinare i giovani al patrimonio culturale sardo. Uno degli obiettivi di Ludu è infatti quello di emancipare la lingua sarda dai suoi contesti folcloristicied elevarla a veicolo autonomo di idee, in grado di misurarsi con le soluzioni musicali e teatrali della nostra epoca.Tutte le informazioni su www.ludu.it.

Salvatore Baldino(1889-1964) era originario di Bosa e visse e operò come oculista a Oristano. Amava gli autori della letteratura internazionale e questo è testimoniato dalle traduzioni in logudorese contenute all’interno della sua “Lyrica Sarda Noa”. Disinvolto nell’utilizzo del verso libero – una rarità nella Sardegna degli anni Cinquanta -, le sue liriche molto spesso non rispettavano né schemi né forme metriche tradizionali. Seppure la sua produzione sia stata decisamente limitata, non si può trascurare il fatto che egli fosse un autore sardo con uno sguardo in grado di varcare i confini dell’isola. Sono tante e sorprendenti le curiosità che avvolgono la vita del poeta-oculista: non ultima la sua frequentazione con Antonio Gramsci. Il fondatore del Partito Comunista Italiano fu più volte ospite in casa sua a Oristano. Lo stesso Baldino tentò più volte e invano di raddrizzargli la schiena. Egli amava la gente umile e i bambini. Dopo aver beneficiato delle sue cure, succedeva spesso che questi pazienti lasciassero il suo ambulatorio senza aver pagato nemmeno una lira. Anche dopo la sua morte, la generosità del poeta-oculista resta viva, grazie alla donazione della sua Villa Alcyione alla comunità oristanese. Ma come si legge nell’introduzione di Giancarlo Fantoni alla “Opera Poetica” (Ed. Sa Porta di Oristano, 1982) di Salvatore Baldino: “Gli oristanesi purtroppo, hanno la memoria labile e dimenticano facilmente e presto anche i concittadini che col loro ingegno hanno lasciato loro importanti messaggi culturali”. In realtà, se è mancato l’interesse alla valorizzazione di questo autore da parte delle istituzioni e degli intellettuali, i suoi versi erano conosciuti e declamati a memoria dalla gente comune, perché rappresentavano in buona parte lo spirito e l’umorismo della popolazione della sua epoca. Probabilmente, il registro basso, il linguaggio schietto di alcuni suoi versi, non aiutarono Baldino nel tentativo di aprire nuove strade nella letteratura sarda.

Sabato prossimo a Ales sarà presentato il disco musicale e teatrale “Conchiattu” del gruppo Ludu già in vendita online dal 28 luglio sul sito www.ludu.it. L’omaggio artistico all’opera del poeta oristanese Salvatore Baldino “Sa Giorronnada ‘e Conchiattu” è prodotto e realizzato da Diego Deidda e Lorenzo Lepori. 24 tracce che uniscono musica, narrazione e recitazione. Alla chitarra di Lorenzo Lepori e alla voce di Diego Deidda si aggiungono importanti collaborazioni, in primis Antonello Salisalla fisarmonica, musicista sardo noto nel panorama jazz internazionale. Hanno partecipato inoltre Sabrina Coda (sax), Giorgia Capovivo (trombone), Alberto Coda (batteria), Massimo Cadeddu (basso), Simone Pistis (scacciapensieri e armonica) e Federico “Ciaccio” Casu (rumori). Le registrazioni, il mixaggio e il mastering del disco sono stati curati da Lorenzo Lepori, le illustrazioni sono di Maria Luisa Usai e le foto di Roberto Murgioni e Roberto Anedda.

Il volto musicale del disco è quanto di più sfaccettato ci si possa aspettare dai due autori di Ludu, che già nelle loro precedenti esperienze (Lame a foglia d’oltremare) avevano mostrato particolare passione e interesse alla mescolanza tra generi e stili. Così come in un concept album, i brani seguono il singolare racconto della giornata di Conchiattu, accompagnando il nostro personaggio tra ambienti lirici e sognanti, incontri animaleschi e divini, fino a condurlo a situazioni di turbamento e patimento, ma anche di sublimazione. E’ una narrazione inusuale, che vede compenetrarsi in maniera paritaria parola, suono, gesto e rumore, offrendo all’ascoltatore (come in un polittico del XIV secolo) i quadri sonori di questa giornata interminabile.

“Sa Giorronnada ‘e Conchiattu” (la giornata di Conchiattu) è la storia di un miserrimo compagno di esistenza, abbandonato da Dio nella landa deserta del Sinis. Conchiattu è un uomo dai tratti primitivi la cui storia è narrata liricamente con purezza, ingenuità e freschezza. La lingua sarda, schietta e fluente, permette a Baldino di dare vita a un uomo che sta a metà strada tra il mondo animale e la divinità. L’invenzione di questo personaggio, le sue sembianze e le sue attitudini grottesche, il suo rapporto così ravvicinato con gli esseri più umili del creato e con ciò che vi è di più sacro, rendono questa opera unica nel suo genere nell’intero panorama letterario sardo.

A introdurre il disco “Conchiattu” di Diego Deidda e Lorenzo Lepori, è il giornalista Tore Cubeddu (EjaTv)che incuriosisce l’ascoltatore con una prefazione al disco disponibile all’interno del booklet: “Ludu, Diego e Lorenzo, in custu discu donant forma musicale a unu cantzonieri contemporaneu chi firmat in sa linea de su tempus unu mitu: su Sinis. Una terra chi, in pagu tretu, contat totu s’istòria de sa Sardigna, s’orìgine de sos sardos in sas paristòrias e su disisperu de su fallimentu in su sole chi morit ananti de su mare”. L’ascoltatore è così guidato nell’ascolto di un disco che, come primo importante merito, ha sicuramente quello di restituire agli oristanesi, ai bosani e a tutti i sardi un autore coraggioso, originale e portavoce di un immaginario culturale autentico.

Nei credits del disco compaiono numerosi ringraziamenti, in particolare le persone che ne hanno sostenuto la produzione attraverso il crowdfunding, nonché diverse associazioni e amministrazioni comunali della provincia di Oristano e non solo, che hanno dato vari e importanti contributi.

La tournée di presentazione del disco “Conchiattu” è iniziata domenica 28 luglio a Quartu Sant’Elena. Si prosegue sabato 10 agosto alle 21:45 all’Anfiteatro in Località San Pietro a Ales: l’evento è organizzato dalla Associazione Casa Natale Antonio Gramsci con la partecipazione del Comune di Ales e della Regione Sardegna, ingresso libero.

Il disco “Conchiattu” del gruppo Ludu è in vendita online sul sito www.ludu.it.

Associazione Casa Natale Antonio Gramsci
Corso Cattedrale, 14
09091 Ales (OR)
casanatalegramsci@tiscali.it
© Associazione Casa Natale Antonio Gramsci all right reserved